Dove siamo

Cavatore e dintorni

Origini e storia

Edifici storici

Arte

Iniziative e Accoglienza

Associazioni

Ricette tipiche

Contatti

Mappa

Cavatore - Cavau

Home page


Ricette tipiche


Specialità gastronomiche

tagliatelle ai funghi

Mon ed Cavau

bignet alla formaggetta di capra

bocconcini di manzo ai funghi

Coniglio al ginepro

Puter

Prodotti e colture locali

Prodotti tipici: miele, castagne, funghi

Colture locali: viti, foraggi, piante officinali

vini: Dolcetto, Barbera, Moscato

formaggette di capra, salumi


Per saperne di più: Sapori del Piemonte


Coniglio al ginepro

Ingredienti

1 coniglio – 10 bacche di ginepro - 1 mazzolino di aromi (alloro, rosmarino, salvia) – 1 noce di burro – olio – sale - vino bianco

Procedura:

Tagliare il coniglio a pezzi, pestare le bacche di ginepro, sciogliere il burro in padella con l'olio, aggiungere le bacche (a freddo), aggiungere i pezzi di coniglio, rosolare a fuoco lento; quando è asciugato, mettere un bicchiere di vino bianco e fare evaporare, salare, coprire il tutto e terminare la cottura a fuoco lento.

Mon ed Cavau

Ingredienti

acqua, farina, sale, olio, semi di finocchio

Questi dolci, che poi tanto dolci non sono, si chiamano “Mon ed Cavau” perché vogliono rendere omaggio a quei blocchi di pietra ridotti a forma quadrata, così da poter essere usati come i mattoni, provenienti dalle cave di Cavatore. Sono nati elaborando un'idea di cucina medioevale fatta di ingredienti semplici e ben armonizzati tra loro, presenti tutto l'anno sulle tavole dei ricchi e accessibili anche ai poveri nei giorni di festa. Acqua, farina e sale sono gli ingredienti del pane, ai quali si aggiungono l'olio e i semi di finocchio (Torre di Cavau)

Puter

Ingredienti

cipolle, aglio, ciccioli di maiale, fagioli, patate, cavolo nero, farina di polenta, sale, olio

Procedura:

Tritare aglio e cipolla. Scaldare i ciccioli in pentola, aggiungere il trito e lasciarlo appassire mescolando. Quando le verdure sono imbiondite, riempite la pentola di acqua, aggiungere i fagioli, qualche patata e le foglie di cavolo nero tagliate a striscioline. Fate prendere l'ebollizione e continuare sino alla giusta cottura. Aggiungere a pioggia un po' di farina di polenta. Il composto deve restare morbido: a cottura ultimata, deve essere versato in ciotole e, dopo alcuni minuti, capovolto sui piatti. Ottimo il giorno dopo, scaldato sulla stufa.
(Torre di Cavau)